Benefici per la salute di blu-verde …

Benefici per la salute di blu-verde ...

Astratto

Parole chiave:antiossidante. alghe blu verdi. malattia cardiovascolare. colesterolo. infiammazione. steatosi epatica non alcolica

introduzione

Discussione

effetti atero-protettivo di BGA

effetto di BGA ipolipemizzante

Effetto anti-aterogenica di BGA

I potenziali meccanismi d’azione per l’effetto ipolipemizzante di BGA

Abbiamo valutato i potenziali meccanismi di lipidi effetto di un abbassamento nelle cellule HepG2, una linea cellulare di epatoma umano. NO estratto lipidico significativamente downregulated l’espressione di riduttasi 3-idrossi-3-metil-glutaril-CoA (HMGR), il rate-limiting enzima nella biosintesi del colesterolo, il recettore LDL (LDLR) ei geni lipogenici, come acidi grassi sintasi e stearoil -CoA desaturasi 1. 29 La repressione è stata concomitante con una diminuzione forme di steroli-normativo elemento-binding protein 1 (SREBP-1) e SREBP-2, che sono i principali regolatori trascrizionali di geni suddetti maturo. 30, 31 abbiamo anche scoperto che l’estratto SP lipidico ha suscitato lo stesso effetto (manoscritto in preparazione). Le osservazioni sono in conflitto con in vivo conclusioni di che i topi alimentati 5% NO per 4 settimane ha mostrato un aumento dell’espressione HMGR e LDLR nel fegato. 4 È interessante notare che gli effetti ipocolesterolemizzanti di NO sono stati attribuiti alla diminuzione intestinale assorbimento del colesterolo con un concomitante aumento del fecale uscita steroli neutri. 4 Perciò, la in vivo ipolipemizzanti effetto di NO è probabilmente dovuto ai suoi componenti bioattivi della frazione delipidato, ma non nella frazione lipidica di NO. Per verificare questa possibilità, ci siamo nutriti C57BL / 6J topi una dieta AIN-93M integrato con il 5% NO o suo estratto lipidico pari al 5% di NO. Lo studio ha mostrato che solo i topi nutriti con NO, ma non NO estratto lipidico, ha avuto più bassi livelli di colesterolo e trigliceridi totali del plasma (manoscritto in preparazione). contiene NO elevata quantità di fibre, che può essere un componente importante per suscitare l’effetto ipolipemizzante. Hori et al. 5 hanno dimostrato che i componenti in fibra di NO giocano un ruolo critico nel ridurre il colesterolo plasmatico in ratti Wistar alimentati con una dieta ad alto contenuto di colesterolo integrato con componenti in fibra di diversi altamente presenti in NO. Lo studio ha dimostrato che i ratti nutriti con una fibra di detergente neutro e l’acido ossalico sostanza solubile avevano un significativamente più bassi livelli sierici di colesterolo. Pertanto, le fibre sono suscettibili di svolgere un ruolo importante nel ridurre i livelli di colesterolo nel plasma. Non si sa che cosa componenti BGA estratti lipidici hanno forti effetti inibitori sulla SREBP maturazione e biosintesi del colesterolo. Come BGA contiene piccole quantità di lipidi, il contributo di componenti bioattivi nella frazione a corpo intero metabolismo lipidico può essere minore quando tutta alghe vengono consumati. Tuttavia, data la potenza della repressione come mostrato nel nostro in vitro studi, identificazione dei componenti bioattivi ha una notevole importanza terapeutica per lo sviluppo di un farmaco ai lipidi nel sangue.

effetti anti-infiammatori di BGA

proprietà anti-infiammatorie di BGA

Nel loro insieme, gli effetti anti-infiammatori di BGA è stato dimostrato in studi cellulari, studi su animali e studi sull’uomo. Più studio, tuttavia, è necessaria per determinare se diverse specie BGA hanno un diverso grado di efficienza nel prevenire l’infiammazione. Inoltre, la comprensione degli effetti di BGA sulle vie infiammatorie acute o croniche è necessaria perché anche se i due percorsi condividono alcune mediatori comuni, effetti protettivi contro l’infiammazione cronica ad un basso grado per un lungo periodo di tempo sono più pertinenti e vantaggioso per la prevenzione di malattie metaboliche come CVD e NAFLD.

componenti BGA anti-infiammatori

Proprietà antiossidanti di BGA

Prevenzione dello stress ossidativo da BGA

componenti antiossidanti in BGA

effetti protettivi di BGA contro NAFLD

Effetto della BGA su NAFLD

Prevenzione della NASH attraverso l’inibizione di infiammazione e lo stress ossidativo da BGA

Conclusione

Ringraziamenti

Autore Disclosure Statement

Tutti gli autori hanno letto questo manoscritto e sostengono conflitti di interesse.

Riferimenti

1. Madhyastha HK. Radha KS. Sugiki M. Omura S. Maruyama M. Purificazione di c-phycocyanin da fusiformis Spirulina e il suo effetto sulla induzione di urochinasi-tipo attivatore del plasminogeno dal polpaccio polmonari cellule endoteliali. Fitomedicina. 2006; 13: 564-569. [PubMed]

2. Parikh P. Mani U. Iyer U. Ruolo Spirulina nel controllo della glicemia e lipidemia nel diabete di tipo 2. J cibo Med. 2001; 4: 193-199. [PubMed]

5. effetto Hori K. Ishibashi G. Okita T. ipocolesterolemizzante di alghe blu-verde, ishikurage (Nostoc comune) in ratti alimentati con dieta aterogenica. Alimenti vegetali Hum Nutr. 1994; 45: 63-70. [PubMed]

7. Spolaore P. Joannis-Cassan C. Duran E. Isambert A. Le applicazioni commerciali di microalghe. J Biosci Bioeng. 2006; 101: 87-96. [PubMed]

9. Yeh GY. Davis RB. Phillips RS. L’uso di terapie complementari in pazienti con malattie cardiovascolari. Am J Cardiol. 2006; 98: 673-680. [PubMed]

10. Regunathan C. Wesley SG. Correzione carenza di pigmento in gamberi riproduttori utilizzando Spirulina come fonte di carotenoidi. Aquacult Nutr. 2006; 12: 425-432.

11. Singh S. Kate BN. Banerjee UC. composti bioattivi da cianobatteri e microalghe: una visione d’insieme. Crit Rev Biotechnol. 2005; 25: 73-95. [PubMed]

14. Grundy SM. Cleeman JI. Merz CNB. Brewer HB. Jr Clark LT. Hunninghake DB. Pasternak RC. Smith SC. Jr Pietra NJ. National Heart, Lung, Blood Institute; American College of Cardiology Foundation; American Heart Association. Implicazioni delle recenti studi clinici per il National Cholesterol Education Program Adult linee guida Treatment Panel III. Circolazione. 2004; 110: 227-239. [PubMed]

15. McKenney JM. Davidson MH. Jacobson TA. Guyton JR. Conclusioni finali e raccomandazioni del National Lipid Association Statin Safety Assessment Task Force. Am J Cardiol. 2006; 97: 89C-94C. [PubMed]

20. Iwata K. Inayama T. Kato T. Effetti della Spirulina platensis su lipoproteina lipasi attività plasmatica nei ratti iperlipidemici fruttosio indotta. J Nutr Sci Vitaminol (Tokyo) 1990; 36: 165-171. [PubMed]

26. Samuels R. Mani UV. Iyer UM. Nayak Stati Uniti. effetto ipocolesterolemizzante dei Spirulina nei pazienti con sindrome nefrosica dislipidemico. J cibo Med. 2002; 5: 91-96. [PubMed]

30. Wang X. Briggs MR. Hua X. Yokoyama C. Goldstein JL. Brown MS. proteina nucleare che lega steroli elemento normativo della bassa densità dei recettori delle lipoproteine ​​promotore. II. Purificazione e caratterizzazione. J Biol Chem. 1993; 268: 14.497-14.504. [PubMed]

31. Briggs MR. Yokoyama C. Wang X. Brown MS. Goldstein JL. proteina nucleare che lega steroli elemento normativo della bassa densità dei recettori delle lipoproteine ​​promotore. I. Identificazione delle proteine ​​e delimitazione della sua sequenza nucleotidica bersaglio. J Biol Chem. 1993; 268: 14.490-14.496. [PubMed]

34. Kapoor R. Mehta U. effetto supplementare di Spirulina sullo stato ematologica di ratti durante la gravidanza e l’allattamento. Alimenti vegetali Hum Nutr. 1998; 52: 315-324. [PubMed]

36. Paoletti R. Gotto AM. Jr. Hajjar DP. L’infiammazione in aterosclerosi e le implicazioni per la terapia. Circolazione. 2004; 109 (23 Suppl 1): III20-III26. [PubMed]

37. Chait A. Han CY. Oram JF. Heinecke JW. recensione serie tematiche: il sistema immunitario e aterogenesi. proteine ​​infiammatorie associata alla lipoproteina: marcatori o mediatori di malattie cardiovascolari? J Lipid Res. 2005; 46: 389-403. [PubMed]

38. Baldwin AS. L’NF-kappa B e proteine ​​I kappa B: nuove scoperte e intuizioni. Annu Rev Immunol. 1996; 14: 649-681. [PubMed]

39. Karin M. L’inizio della fine: IkappaB chinasi (IKK) e l’attivazione di NF-kB. J Biol Chem. 1999; 274: 27.339-27.342. [PubMed]

40. Zernecke A. Weber C. mediatori infiammatori nella malattia vascolare aterosclerotica. Base Res Cardiol. 2005; 100: 93-101. [PubMed]

42. Collins T. endoteliale fattore-kappa B nucleare e l’avvio della lesione aterosclerotica. Lab Invest. 1993; 68: 499-508. [PubMed]

45. V. Dixit Mak TW. segnalazione NF-kB. Molte strade portano a Madrid. Cellula. 2002; 111: 615-619. [PubMed]

47. Mao TK. Van de Water J. Gershwin ME. Effetti di un integratore alimentare Spirulina basato sulla produzione di citochine da pazienti rinite allergica. J cibo Med. 2005; 8: 27-30. [PubMed]

49. Rasool M. Sabina EP. Effetto Lavanya B. anti-infiammatori di Spirulina fusiformis su artrite adiuvante indotta nei topi. Biol Pharm Bull. 2006; 29: 2483-2487. [PubMed]

52. YY Fan. Chapkin RS. L’importanza di acido gamma-linolenico nella dieta per la salute umana e la nutrizione. J Nutr. 1998; 128: 1411-1414. [PubMed]

53. acido gamma-linolenico (GLA) Monografia. Altern Med Rev. 2004; 9: 70-78. [PubMed]

55. Romay C. Gonzalez R. Ledon N. Remirez D. Rimbau V. C-phycocyanin: un biliprotein con antiossidanti, effetti anti-infiammatori e neuroprotettivi. Curr proteine ​​PEPT Sci. 2003; 4: 207-216. [PubMed]

56. Romay AJ. Remirez D. Gonzlez R. Ledon N. Garca I. proprietà antiossidanti e anti-infiammatorie di C-phycocyanin da alghe blu-verdi. Inflamm Res. 1998; 47: 36-41. [PubMed]

58. Remirez D. Fernandez V. Tapia G. Gonzalez R. Videla LA. Influenza della C-phycocyanin sui parametri epatocellulari legati allo stress ossidativo fegato e funzionamento delle cellule Kupffer. Inflamm Res. 2002; 51: 351-356. [PubMed]

59. R. Gonzlez Rodrguez attività S. Romay C. Ancheta O. Gonzlez A. Armesto J. Remirez D. Merino N. anti-infiammatori di estratto phycocyanin in acetica colite acido-indotta nei ratti. Pharmacol Res Commun. 1999; 39: 55-59. [PubMed]

62. R. Mashima Witting PK. Stocher R. ossidanti e antiossidanti in aterosclerosi. Curr Opin Lipidol. 2001; 12: 411-418. [PubMed]

67. Berns DS. Maccoll R. Ficocianina in studi chimico-fisici. Chem Rev. 1989; 89: 807-825.

68. Bhat VB. Madyastha KM. C-phycocyanin: un potente peroxyl scavenger di radicali in vivo e in vitro. Biochem Biophys Res Commun. 2000; 275: 20-25. [PubMed]

70. proprietà Benedetti S. Benvenuti F. Pagilarani S. Francogli S. Scoglio S. Canestran F. antiossidanti di un estratto phycocyanin romanzo dal l’alga blu-verde Aphanizomenon flos-aquae. Life Sci. 2004; 75: 2353-2362. [PubMed]

73. danni Imlay L. DNA e ossigeno tossicità radicale. Scienza. 1998; 240: 1302-1309. [PubMed]

80. Browning JD. Szczepaniak LS. Dobbins R. Norimberga P. Horton JD. Cohen JC. Grundy SM. Hobbs HH. La prevalenza di steatosi epatica in una popolazione urbana negli Stati Uniti: l’impatto di etnia. Hepatology. 2004; 40: 1387-1395. [PubMed]

83. Ludwig J. Viggiano TR. McGill DB. Oh BJ. Steatoepatite non alcolica: Mayo Clinic esperienze con una malattia fino ad allora senza nome. Mayo Clin Proc. 1980; 55: 434-438. [PubMed]

87. Glende EAJ. Recknagel RO. Un metodo indiretto dimostrare che il pregiudizio epatociti CCl4-dipendente è collegato a un aumento della concentrazione di ioni calcio intracellulare. Res Commun Chem Pathol Pharmacol. 1991; 73: 41-52. [PubMed]

89. Medina J. Fernndez-Salazar LI. Garca-Buey L. Moreno-Otero R. approccio alla patogenesi e nel trattamento della steatoepatite non alcolica. Diabetes Care. 2004; 27: 2057-2066. [PubMed]

90. Rodrguez-Hernndez A. Bl-Castillo JL. Jurez-Oropeza MA. Daz-Zagoya JC. Spirulina maxima impedisce la formazione del fegato grasso in CD-1 topi maschi e femmine con diabete sperimentale. Life Sci. 2001; 69: 1029-1037. [PubMed]

96. Vadiraja BB. Gaikwad NW. Madyastha KM. effetto epato di C-phycocyanin: la protezione per il tetracloruro di carbonio e R – (+) – hepatotoxicty pulegone-mediata nei ratti. Biochem Biophys Res Commun. 1998; 249: 428-431. [PubMed]

Articoli da Journal of Medicinal alimentari sono forniti qui per gentile concessione di Mary Ann Liebert, Inc.

Related posts